Secondo punto stagionale per la nostra Prima Squadra

G.S. Aragno – Nuoto Livorno 6-6 (1-2; 1-1; 3-1; 1-2)

Aragno: Mostes, Tondina F., Suriosini, Moncagatta 2, Tondina L. (cap.) 1, Orezzi, Taddei, Maiocchi, Utili 1, Puglia 1, Canepa, Zambello 1, Carlini. Allenatore: Merello.

Livorno: Barrile, Biocca 2, Fantini 1, Luzzi, Pisani 1, Paggini, Pizzo (cap.), Ungarelli, Samminiatesi, Vagelli 1, Turrini, Bernini, Facchinetti 1. Allenatore: Romano.

Arbitro: Capobianco.
Superiorità numeriche: ARA 0/2, LIV 2/8.

 

Secondo punto stagionale per il Gruppo Sportivo Aragno Rivarolesi, primo fra le mura amiche.

Dopo aver tenuto testa per tre tempi alla capolista Imperia, l’Aragno fornisce un’altra buona prestazione contro la seconda forza del campionato, il Nuoto Livorno. 6-6 il finale, risultato di un match equilibrato, in cui le difese hanno prevalso sugli attacchi.

Partono bene i labronici con le reti di Fantini su rigore e di Facchinetti,  cui risponde il tiro preciso del capitano biancorosso Lorenzo Tondina, al suo primo gol stagionale. La rete di Vagelli nel secondo tempo riporta a +2 gli ospiti, bomber Moncagatta riaccorcia con un bel movimento in rapidità nel cuore della difesa livornese.

Al cambio di campo la grande reazione praese: dopo il gol dal centro di Biocca, tre reti consecutive dei padroni di casa, che marcano col centro Utili da vicino, ancora Moncagatta con un tiro preciso e col veterano Zambello da casa sua, portando la gara all’ultimo riposo sul 5-4 per l’Aragno.

L’ultimo tempo è molto nervoso. Biocca e Pisani convertono due delle quattro superiorità assegnate dall’arbitro agli ospiti; dal canto suo l’Aragno, capace di conquistare due espulsioni in tutta la partita, non ne finalizza nessuna. La rete di Puglia a uomini pari inframezza le due segnature livornesi.

Un punto che muove la classifica per l’Aragno, ma che non può e non deve bastare ai ragazzi di mister Merello, attesi da sfide molto importanti in cui confermare il trend positivo mostrato contro Imperia e Livorno.

Sabato prossimo si recupera il match non giocato la settimana scorsa: al Figoi arriva il Mugello, fanalino di coda a zero punti.

 

Massimiliano Mostes