La “Rosa” su noi AraRiva

La piccola favola della staffetta di Novelli

Cristiano Novelli lo abbiamo conosciuto quando portò al successo Ilaria Scarcella. La sua storia di cardiologo, nuotatore master e allenatore è ormai stra-conosciuta. Come il suo entusiasmo. Una staffetta regionale vinta nei categoria dalla Nuotatori rivarolesi gli ha centuplicato l’entusiasmo al punto da segnalarci uno scambio tra i protagonisti di questo spicchio di nuoto…di periferia. Scrive Claudio Miele: “Anche se con un giorno di ritardo, voglio condividere un mio momento di felicità, in particolare con te che sei l’unico ad aver fatto il mio stesso percorso. Sono passati 6/7 anni da quando abbiamo iniziato a gareggiare come “categoria” e durante questi anni abbiamo affrontato numerose difficoltà e fatiche, piccole imprese, se vogliamo, che ci hanno regalato gioie, emozioni, ma anche delusioni e amarezze. Partendo dalle nostre prime staffette, sempre in seconda serie, per fare bella figura e non buscare dagli altri in prima; passando per il terzo anno ragazzi, quando a vincere c’eravamo noi con tanto di record regionale (4 x 100 mista in lunga). Ricordando la 4 x 100 stile in corta con un altro record regionale nello scontro diretto con lo Spezia. Le cose sono cambiate, come anche i compagni di squadra che, per scelte diverse, non sono più con noi a condividere queste emozioni, ma con ieri abbiamo chiuso le nostre staffette di categoria con l’ultima medaglia d’oro. Chi nuota sa che vincere una medaglia ai regionali non è niente di che e probabilmente è così, ma per chi ama questo sport, per chi sale sul blocco, sentendo il tifo degli altri tre compagni che, come te, danno tutto per fare meglio possibile, per chi, nonostante tutto sta ancora in vasca a dare il proprio contributo, non può che essere onorevole salirci. Speriamo che il nostro percorso continui, Roberto…siamo stati grandi.” La risposta di Cristiano Novelli: “Ho sempre saputo che sei per molti versi una grande persona! Sei anche quello che ha (o aveva?) per idolo Fabrizio Corona e sicuramente non tanto tagliato per lo studio….. Ma hai dei sentimenti forti e nello stesso tempo semplici: sai cos’è l’amicizia, la sportività, lo spirito di squadra. Natatoriamente sei stato spesso il meno dotato nei quartetti di cui hai fatto parte, mai hai sempre trovato nelle staffette il tuo momento di esaltazione, talora contribuendo ai loro successi, talaltra dovendo soccombere contro avversari più forti (magari per pochi centesimi), ma sempre offrendo il meglio di te e spesso anche qualcosa in più, come il tempo che hai realizzato anche in quest’ultima occasione dimostra. Sono contento e orgoglioso di aver contribuito in buona parte alla vostra formazione sportiva (….e un poco -spero-anche a quella umana…) e gioisco con te anche di quest’ultimo successo, cui mi spiace non aver assistito di persona. È certamente una tappa importante, ma – se lo vorrete – ancora una tappa di passaggio: liberati dall’impegno gravoso della maturità, sia tu che Roby potrete continuare a gareggiare e divertirvi, anche con l’obbiettivo di ripetere una vittoria in staffetta anche tra gli assoluti (per fortuna validi compagni di squadra non mancano, sia più giovani che più anziani di voi). E’ vero, vincere una medaglia regionale non sarà poi un’impresa così eccezionale, ma per la maggior parte dei nuotatori può essere certamente un gran risultato ed è bello che per qualcuno sia la realizzazione (e la prosecuzione) di un sogno. Grandi ragazzi!”.