Campionato Regionale di Fondo

Nel week-end del 15/16 settembre gli arariva hanno aperto la stagione 2018-2019 sia con il fronte esordienti che con i categoria
partecipando al regionale di fondo in acque libere. La prova unica si è svolta sabato nello spazio acqua
antistante la Sportiva Sturla, con 6 portacolori nelle gare individuali e la staffetta esordienti A. La giornata è
iniziata con i 1500 aperti agli esordienti A: ottime prestazioni di Costanza Mantero che si è posizionata tra le
prime 10 femmine, e di Andrea Decuzzi e Mattia Ghio che si sono ben difesi dagli avversari più grandi. I tre
avevano già affrontato altre gare in mare durante l’estate, ma hanno testato per la prima volta in
quest’occasione una distanza così lunga.
Buone prestazioni anche per i categoria che hanno affrontato un mare più agitato rispetto ai colleghi più
piccoli. Gran miglioramento di Bove rispetto allo scorso anno, nonostante le condizioni più sfavorevoli, sia
in termini di posizioni che di crono. Anche se il secondo riferimento è meno indicativo in queste gare dove
le condizioni meteo e il percorso sono variabili molto incisive, sottolineo un tempo conclusivo di 50” in più
rispetto al 2017 rispetto alla media di 3 minuti in più segnata dai migliori avversari. Bello sprint finale di
Martina Pesenti che in dirittura d’arrivo sorpassa le cinque compagne di nuotata chiudendo sesta per la sua
categoria. Esordio per Riccardo Ravanello in un gara di fondo marchiata FIN eguagliando la prestazione di
Giugno nel Lago di Sirmione.
Chiudono la mattinata gli staffettisti nell’ordine: Mantovani, Valle, Pisani e Crea nuotando 750 metri a
testa. Decisamente la più giovane staffetta in gara con addirittura un esordiente B, ma i quattro non si
fanno spaventare e portano a casa un grintoso quinto posto.
Dopo una giornata di buone soddisfazioni ma allo stesso tempo con ampi margini di miglioramento, degna
di altrettanta nota la prestazione di Bove che raddoppia nel weekend e nuota anche il miglio di Noli.
Peccato per un problema tecnico con la boetta di sicurezza che impaccia la chiusura di gara e lo costringe a
lasciare il gruppo di testa, Tommy si porta comunque a casa una bella soddisfazione con un 17° posto su
250 concorrenti.